La Corte Suprema afghana condanna le donne che cantano alla televisione

Reuters , 15 gennaio 2004

di Sayed Salahuddin

KABUL, 15 gennaio (Reuters) - In un'imbarazzante ricaduta per i moderati del governo, sostenuto dagli Stati Uniti, le autorità hanno imposto di nuovo alle donne il divieto di cantare alla televisione di stato, appena pochi giorni dopo che la sua abolizione.

La decisione di reimporre il divieto è seguita ad una condanna della Corte Suprema, dominata dai religiosi conservatori, secondo quanto hanno riferito fonti ufficiali lo scorso giovedì.

Lunedì la televisione di Kabul ha riproposto una vecchia esibizione a capo scoperto di Parasto, una nota cantante che ora vive in occidente.

La trasmissione era conforme alla nuova Costituzione, che assicura uguali diritti a uomini e donne.

Ma la Corte Suprema ha scritto condannando il Ministro per l'Informazione e la Cultura, Sayed Makhdoom Raheen, sostenendo che abolire il divieto non fosse nei suoi poteri.

«Ci è stato detto di interrompere la trasmissione mercoledì sera, e così abbiamo fatto», riferisce un funzionario della televisione di Kabul.

Raheen è la figura chiave dietro l'abolizione del divieto e, quando interrogato a proposito della sua reimposizione, dice: « Al momento non ho niente da dire in proposito».

Lo scorso mercoledì il presidente della Corte Suprema Ahmed Manawi ha riferito a Reuters che la Corte Suprema è «nell'insieme contraria al fatto che le donne cantino e danzino» e ha aggiunto che «deve essere impedito in quanto totalmente contrario alle decisioni della Corte Suprema».

Il divieto è legittimo poiché la nuova costituzione stabilisce chiaramente che nessuna legge possa essere contraria ai precetti dell'Islam, che non permettono alle donne di cantare, ha detto Mawawi giovedì

«Se le canzoni vengono messe in onda, allora il Ministero dell'Informazione è il primo organo a violare la costituzione.

Il divieto è stato imposto per quasi 12 anni, da quando il regime comunista a Kabul è stato rimpiazzato da quello dei mujahiddin.

Nel 1996, ai mujahiddin sono subentrati i talebani, ancora più conservativi, che hanno vietato del tutto la televisione, in rigida applicazione della sharia, la legge islamica.

L'ultimo tira e molla costituisce imbarazzo e rappresenta una ricaduta per i moderati del governo di Karzai nella loro battaglia con i conservatori religiosi contrari alla liberalizzazione dopo la caduta dei talebani nel 2001.

L'abolizione del divieto risale a qualche settimana dopo che il direttore conservativo della Radio-Televisione di Kabul era stato sostituito.

Ghulam Hassan Hazrati era succeduto a Mohammad Isahaq, personaggio di rilievo nell'Alleanza del Nord, una fazione costituita principalmente di gruppi di mujahiddin che costituisce la spina dorsale del governo di Karzai.

Le donne valgono la metà degli uomini

Detto da Sighbatullah Majaddedi, presidente della Loya Jirga costituzionale, a proposito dei diritti umani e civili:

«Dobbiamo tutti rispettare il voto. Le donne sono libere di votare per gli uomini. Gli uomini sono liberi di votare per le donne. Non possiamo fare questa separazione … Non cercate di porvi allo stello livello degli uomini. Dio stesso non vi ha concesso gli stessi diritti perché nel suo disegno due donne valgono quanto un uomo»

The New York Times, 16 dicembre 2003
di Amy Waldman